Permalink
Fetching contributors…
Cannot retrieve contributors at this time
277 lines (150 sloc) 14.7 KB
license title toc_title
Licensed to the Apache Software Foundation (ASF) under one or more contributor license agreements. See the NOTICE file distributed with this work for additional information regarding copyright ownership. The ASF licenses this file to you under the Apache License, Version 2.0 (the "License"); you may not use this file except in compliance with the License. You may obtain a copy of the License at http://www.apache.org/licenses/LICENSE-2.0 Unless required by applicable law or agreed to in writing, software distributed under the License is distributed on an "AS IS" BASIS, WITHOUT WARRANTIES OR CONDITIONS OF ANY KIND, either express or implied. See the License for the specific language governing permissions and limitations under the License.
Guida piattaforma Android
Android

Guida piattaforma Android

Questa guida illustra come impostare il tuo ambiente SDK per distribuire Cordova apps per dispositivi Android e come eventualmente utilizzare strumenti da riga di comando di Android-centrata nel vostro flusso di lavoro di sviluppo. È necessario installare il SDK di Android indipendentemente dal fatto se si desidera utilizzare questi strumenti centrato piattaforma shell o piattaforme Cordova CLI per lo sviluppo. Per un confronto tra i percorsi di due sviluppo, vedere la panoramica. Per ulteriori informazioni su CLI, vedere l'interfaccia della riga di comando.

Requisiti e supporto

Cordova per Android richiede il SDK di Android che potrebbe essere installato sul sistema operativo OS X, Linux o Windows. Vedere sul SDK di Android requisiti di sistema.

Cordova supporta Android 4.0. x (a partire dal livello API Android 14) e superiori. Come regola generale, versioni Android diventano non supportati da Cordova come essi tuffo sotto il 5% di Google dashboard di distribuzione. Android versioni precedenti di API di livello 10, e le versioni 3. x (Honeycomb, livelli API 11-13) cadono significativamente inferiore a quella soglia del 5%.

Installare strumenti di Cordova Shell

Se si desidera utilizzare strumenti shell Android-centrata di Cordova in concomitanza con il SDK, scaricare Cordova da cordova.apache.org. In caso contrario ignorare questa sezione se si prevede di utilizzare lo strumento CLI multipiattaforma descritto in l'interfaccia della riga di comando.

Il download di Cordova contiene archivi separati per ciascuna piattaforma. Assicurarsi di espandere l'archivio appropriato, android in questo caso, all'interno di una directory vuota. L'utility eseguibile pertinenti sono disponibili nel primo livello bin directory. (Se necessario per indicazioni più dettagliate, consultare il file Leggimi .)

Questi strumenti shell consentono di creare, compilare ed eseguire applicazioni Android. Per informazioni sull'interfaccia della riga di comando aggiuntiva che attiva il plugin funzionalità su tutte le piattaforme, vedere utilizzando Plugman per gestire i plugin. Per dettagli su come sviluppare plugin, vedere applicazione plugin.

Installare il Java Development Kit (JDK)

Installare il Java Development Kit (JDK) 7 o versioni successive.

Quando si installa su Windows è necessario anche impostare JAVA_HOME ambiente variabile secondo il percorso di installazione del JDK (ad esempio C:\Program Files\Java\jdk1.7.0_75).

Installare il SDK di Android

Installare gli strumenti di Android SDK autonomo o Studio Android. Procceed con Studio Android se si prevede di sviluppare nuovo Cordova per Android plugin o utilizzando gli strumenti nativi di eseguire ed eseguire il debug piattaforma Android. In caso contrario, Android strumenti SDK autonomo sono sufficienti per creare e distribuire applicazioni Android.

Istruzioni dettagliate sull'installazione sono disponibili come parte del link di installazione sopra.

Per strumenti da riga di comando di Cordova a lavorare, o CLI che si basa su di loro, è necessario includere la directory di strumenti e strumenti di piattaforma di SDK nel tuo percorso. Su un Mac o Linux, è possibile utilizzare un editor di testo per creare o modificare il ~/.bash_profile file, aggiungendo una riga come la seguente, a seconda di dove viene installato il SDK:

    export PATH=${PATH}:/Development/android-sdk/platform-tools:/Development/android-sdk/tools

Questa linea in ~/.bash_profile espone questi strumenti in windows terminal inaugurato di recente. Se la finestra del terminale è già aperta in OSX, o per evitare un logout/login su Linux, eseguire questo per renderli disponibili nella finestra del terminale corrente:

    $ source ~/.bash_profile

Per modificare il PATH in ambiente Windows:

  1. Fare clic su Start nell'angolo inferiore sinistro del desktop , tasto destro del mouse su Computer, quindi selezionare proprietà.

  2. Selezionare Impostazioni di sistema avanzate nella colonna a sinistra.

  3. Nella finestra di dialogo risultante, premere Le variabili di ambiente.

  4. Selezionare la variabile PATH e premere Modifica.

  5. Aggiungere quanto segue per il PATH basato su cui è installato il SDK, per esempio:

    ;C:\Development\android-sdk\platform-tools;C:\Development\android-sdk\tools
    
  6. Salvare il valore e chiudere le due finestre di dialogo.

Installare i pacchetti SDK

Aprire Android SDK Manager (ad esempio, tramite terminale: android) e installare:

  1. 5.1.1 Android (22 API) piattaforma SDK
  2. Versione di Android SDK strumenti di compilazione 19.1.0 o superiore
  3. Supporto Android Repository (extra)

Per ulteriori informazioni, vedere Installare pacchetti SDK .

Configurare un emulatore

Android sdk non fornisce alcuna istanza di emulatore predefinito per impostazione predefinita. È possibile creare una nuova eseguendo android sulla riga di comando. Stampa Strumenti → gestire AVDs (dispositivi Android virtuale), quindi scegliere qualsiasi elemento da Definizioni di dispositivo nella finestra di dialogo risultante:

![][8]

[8]: {{ site.baseurl }}/static/img/guide/platforms/android/asdk_device.png

Stampa Creare AVD, eventualmente modificando il nome, quindi premere OK per accettare le modifiche:

![][9]

[9]: {{ site.baseurl }}/static/img/guide/platforms/android/asdk_newAVD.png

L'AVD poi appare nell'elenco dei Dispositivi Android virtuale :

![][10]

[10]: {{ site.baseurl }}/static/img/guide/platforms/android/asdk_avds.png

Per aprire l'emulatore come applicazione separata, selezionare l'AVD e premere Start. Si lancia proprio come farebbe sul dispositivo, con controlli aggiuntivi disponibili per i pulsanti hardware:

![][11]

[11]: {{ site.baseurl }}/static/img/guide/platforms/android/asdk_emulator.png

Per un'esperienza più veloce, è possibile utilizzare l' Accelerazione della macchina virtuale per migliorare la velocità di esecuzione. Molte moderne CPU forniscono estensioni per eseguire macchine virtuali in modo più efficiente. Prima di utilizzare questo tipo di accelerazione, è necessario stabilire se la CPU del sistema attuale sviluppo, uno supporta le seguenti tecnologie di virtualizzazione:

  • Tecnologia di virtualizzazione Intel (VT-x, vmx) → Intel VT-x supportati elenco processore
  • AMD Virtualization (SVM, AMD-V), supportato solo per Linux (dal maggio 2006, tutte le CPU AMD includono AMD-V, ad eccezione di Sempron).

Un altro modo per scoprire se il processore Intel supporta la tecnologia VT-x, si eseguendo l' Utility di identificazione dei processori Intel, per Windowsè possibile scaricarlo dal Download Centerdi Intel, o è possibile utilizzare l' utilità di avvio, che è Indipendente dal sistema operativo.

Dopo installare ed eseguire la Intel Processor Identification Utility per Windows, si otterrà la seguente finestra, al fine di verificare se la tua CPU supporta le tecnologie di virtualizzazione:

![][15]

[15]: {{ site.baseurl }}/static/img/guide/platforms/android/intel_pid_util_620px.png

Al fine di accelerare l'emulatore, è necessario scaricare e installare una o più immagini di sistema Atom Intel x86 , come pure l' Intel Hardware accelerato l'esecuzione Manager (HAXM).

Aprire il vostro Android SDK Manager e selezionare l'immagine di sistema Atom Intel x86 , per qualsiasi versione che si desidera testare. Poi andare in extra selezionare Intel x86 Emulator Accelerator (HAXM)e installare questi pacchetti:

![][16]

[16]: {{ site.baseurl }}/static/img/guide/platforms/android/asdk_man_intel_image_haxm.png

Dopo il download, eseguire il programma di installazione di Intel, che è disponibile all'interno del vostro Android SDK in Extra/intel/Hardware_Accelerated_Execution_Manager. Nota:se avete problemi installando il pacchetto, potete trovare ulteriori informazioni e istruzioni passo passo controllare questo Articolo Intel.

  1. Installare una o più immagini di sistema Atom Intel x86 , come pure la Gestione esecuzione accelerata Hardware di Intel, disponibile sotto extra.

  2. Eseguire il programma di installazione di Intel, che è disponibile all'interno del vostro Android SDK in Extra/intel/Hardware_Accelerated_Execution_Manager.

  3. Creare un nuovo AVD con l'obiettivo di impostare un'immagine di Intel.

  4. Quando si avvia l'emulatore, assicurarsi che non sono presenti messaggi di errore che indica un guasto per caricare i moduli HAX.

Creare un nuovo progetto

A questo punto, per creare un nuovo progetto è possibile scegliere tra le piattaforme CLI strumento descritto in l'interfaccia della riga di comando, o il set di strumenti shell Android-specifiche. All'interno di una directory del codice sorgente, ecco l'approccio CLI:

    $ cordova create hello com.example.hello HelloWorld
    $ cd hello
    $ cordova platform add android
    $ cordova prepare              # or "cordova build"

Qui è l'approccio di shell-strumento di basso livello corrispondente per Unix e Windows:

    $ /path/to/cordova-android/bin/create /path/to/new/hello com.example.hello HelloWorld
    C:\path\to\cordova-android\bin\create.bat C:\path\to\new\hello com.example.hello HelloWorld

Generare il progetto

Se si utilizza la CLI in sviluppo, directory di primo livello www della directory progetto contiene i file di origine. Eseguire una qualsiasi di queste all'interno della directory di progetto per ricostruire l'app:

    $ cordova build                   # build all platforms that were added
    $ cordova build android           # build debug for only Android
    $ cordova build android --debug   # build debug for only Android
    $ cordova build android --release # build release for only Android

Se si utilizza l'Android-shell strumenti specifici nello sviluppo, c'è un approccio diverso. Una volta che si genera il progetto, sorgente dell'app predefinita è disponibile nella sottodirectory beni/www . Comandi successivi sono disponibili nella sua sottodirectory di cordova .

Il comando di costruire pulisce i file di progetto e ricostruisce l'app. Ecco la sintassi per Mac e Windows. La prima coppia di esempi genera informazioni di debug, e la seconda costruisce le apps per il rilascio:

    $ /path/to/project/cordova/build --debug
    C:\path\to\project\cordova\build.bat --debug

    $ /path/to/project/cordova/build --release
    C:\path\to\project\cordova\build.bat --release

Distribuire l'app

È possibile utilizzare l'utilità di cordova CLI per distribuire l'applicazione nell'emulatore o il dispositivo da riga di comando:

    $ cordova emulate android       #to deploy the app on a default android emulator
    $ cordova run android --device  #to deploy the app on a connected device

In caso contrario, utilizzare l'interfaccia shell alternativa:

    $ /path/to/project/cordova/run --emulator
    $ /path/to/project/cordova/run --device

È possibile utilizzare cordova run android --list per vedere tutte le destinazioni disponibili e cordova run android --target=target_name per eseguire l'applicazione su un dispositivo specifico o l'emulatore (per esempio, cordova run android --target="Nexus4_emulator").

È possibile utilizzare anche cordova run --help vedere compilazione supplementari ed eseguire le opzioni.

Questo spinge l'app alla schermata iniziale e si lancia:

![][18]

[18]: {{ site.baseurl }}/static/img/guide/platforms/android/emulator2x.png

Quando si run l'applicazione, è anche build esso. È possibile aggiungere ulteriori --debug, --rilascioe --nobuild flag per controllare come è costruito, o anche se una ricostruzione è necessaria:

    $ /path/to/project/cordova/run --emulator --nobuild

Altri comandi

Il seguente genera un log dettagliato delle app come funziona:

    $ /path/to/project/cordova/log
    C:\path\to\project\cordova\log.bat

Il seguente pulisce i file di progetto:

    $ /path/to/project/cordova/clean
    C:\path\to\project\cordova\clean.bat

Aprire un nuovo progetto in SDK

Una volta che la piattaforma android è aggiunto al progetto, è possibile aprirlo dall'interno Studio Android:

  1. Lanciare l'applicazione Android di Studio .

  2. Selezionare il Progetto di importazione (Eclipse ADT, Gradle, ecc.).

    ![][19]

  3. Selezionare il percorso dove la piattaforma android è memorizzato (tuo/progetto/platforms/android).

    ![][20]

  4. Per la questione Gradle Sync si può semplicemente rispondere .

[19]: {{ site.baseurl }}/static/img/guide/platforms/android/asdk_import_project.png [20]: {{ site.baseurl }}/static/img/guide/platforms/android/asdk_import_select_location.png

Sono tutti insieme ora e consente di compilare ed eseguire le app direttamente da Android Studio.

![][21]

[21]: {{ site.baseurl }}/static/img/guide/platforms/android/asdk_import_done.png

Vedere Android Studio Overview ed ed ed eseguiti dalla Studio Android per maggiori dettagli.