Permalink
Branch: master
Find file Copy path
Fetching contributors…
Cannot retrieve contributors at this time
68 lines (45 sloc) 2.28 KB

Scala maggiore

Descrizione

Per gli scopi di questo esercizio assumiamo che le 12 note musicali della scala cromatica siano denotate dalla sequenza

C  C#  D  D#  E  F  F#  G  G#  A  A#  B

L'intervallo tra ogni coppia consecutiva di queste note è chiamato un semitono e la sequenza è "chiusa ad anello", ossia dopo la B la sequenza ricomincia dalla C.

Ad esempio, E è 1 semitono sopra D#, C è 1 semitono sopra B, F# è 4 semitoni sopra D e C# è 10 semitoni sopra D#; osservate che ogni nota è 12 semitoni sopra se stessa.

Una scala maggiore comprende 7 delle 12 note della scala cromatica, ci sono 12 diverse scale maggiori, una per ciascuna nota; per esempio, la scala maggiore D è composta dalle note

D  E  F#  G  A  B  C#

Le note in una scala maggiore sono le note che sono

0 2 4 5 7 9 11

semitoni sopra la nota che dà il nome alla scala. Nel sistema di solfeggio detto movable do solfège queste note della scala maggiore sono chiamate rispettivamente coi nomi

Do Re Mi Fa So La Ti

Ad esempio Mi nella scala maggiore D corrisponde a F#, perché F# è 4 semitoni sopra la D e Mi indica la nota che si trova 4 semitoni sopra quella che dà il nome alla scala.

Scrivete un programma che, dato il nome di una scala maggiore e una delle note del solfeggio come argomenti sulla riga di comando, emetta nel flusso di uscita la nota corrispondente della scala cromatica.

Vincoli

Gli argomenti della riga di comando sono sempre due e corrispondono a una nota della scala cromatica e a una nota della scala del movable do solfège; il flusso di uscita deve contenere una sola nota (della scala cromatica).

Esempio

Eseguendo soluzione C Mi il programma emette E nel flusso di uscita, eseguendo soluzione A# Fa il programma emette D# nel flusso di uscita.

Osservazioni

Chi conosce la teoria musicale sa che le note possono avere più di un nome, ad esempio A# è anche nota col nome B♭; usualmente, a seconda del contesto, uno dei due nomi è più appropriato dell'altro. Ad esempio non sentirete mai parlare della scala maggiore A#, quanto piuttosto di quella B♭. Per semplicità, in questo esercizio, fate riferimento ai soli nomi dati nella descrizione.