Sito web per il progetto #agenziauscite
JavaScript HTML CSS
Switch branches/tags
Nothing to show
Clone or download
Fetching latest commit…
Cannot retrieve the latest commit at this time.
Permalink
Failed to load latest commit information.
bootstrap
css
img
js
CNAME
README.md
aemap.html
compare.html
contacts.html
history.html
index.html
reportmap.html

README.md

agenzia-entrate-proxy-map

Questo repository contiene le pagine di http://agenziauscite.openstreetmap.it

I contenuti sono rilasciati con la licenza Creative Commons 4.0

  • Attribuzione (CC-BY) Le mappe sono © OpenStreetMap contributors, per maggiori informazioni visitate la pagina relativa al copyright.

Questo sito è dedicato in memoria di [https://it.wikipedia.org/wiki/Aaron_Swartz](Aaron Swartz) (1986-2013) che ci ha insegnato che "L'informazione è potere. Ma come con ogni tipo di potere, ci sono quelli che se ne vogliono impadronire.". Ci ha insegnato che abbiamo l'imperativo morale di impedire che questo avvenga. Per questo gli dedichiamo questo sito, se volete saperne di più su di lui guardate questo documentario.

Il repository con il backend si trova su GitHub anch'esso: agenzia-entrate-proxy-map.

Contesto

Ho appena twittato questo: https://twitter.com/simonecortesi/status/486041761023012864

@Agenzia_Entrate viola la licenza di OpenStreetMap non citando la fonte nel sito delle Zone OMI, guardate qui: http://bit.ly/agenziauscite

Abbiamo trovato la più grande violazione nei confronti di OpenStreetMap. Di sempre. Il colpevole della violazione è l’Agenzia delle Entrate.

http://agenziauscite.openstreetmap.it/

La licenza OSM, la ODBL[1], prevede che in ogni utilizzo pubblico del dato OSM sia presente un richiamo al fatto di aver usato dati OSM per produrre la mappa. Questo manca sul sito di Agenzia delle Entrate, noi non apprezziamo che chi fa della legalià fiscale la sua battaglia quotidiana violi in maniera così palese i diritti degli altri, calpestando le poche regole alla diffusione di OpenStreetMap: il dare credito della paternità dell’opera.

Dal 2007 liberiamo dati della Pubblica Amministrazione e da allora sognamo di liberare i dati del Catasto, i dati di tutti gli edifici d’Italia che porterebbero grande ricchezza al Paese se fossero diffusi in maniera Open.

Mai ci saremmo aspettati di vedere OpenStreetMap, il progetto nato dalla gente 10 anni fa, alla base del sistema mappe dell’Agenzia delle Entrate, usato per produrre il sito web dell’Osservatorio sul Mercato Immobiliare[0] proprio da chi gestisce il Catasto Italiano.

L’Agenzia ha copiato solo alcuni livelli (gli edifici e il tipo di uso del suolo [parchi, fiumi, laghi]) e hanno sovraimposto i dati delle strade presi da un'altra fonte, probabilmente mappe proprietarie. Infatti le strade sono diverse (e in alcuni casi passano in mezzo agli edifici) ed hanno tutte i nomi delle vie, che in OSM, invece, spesso mancano.

Puntiamo a far ammettere loro l’errore e che si inizi a ragionare sul rilascio dei LORO dati.

Sul sito avete la possibilità di confrontare in maniera sincrona la mappa OpenStreetMap ed il rendering prodotto dall’Agenzia; vi incoraggiamo ad utilizzare la funzione di condivisione sui social network quando trovate una somiglianza tra le due mappe nelle zone che andate a ricercare! Tutti possono verificare e tutti possono mandare report personalizzati della violazione.

La cosa buffa della mappa realizzata da noi è che è migliore dell’originale, in quanto permette di fare geolocalizzazione in automatico, permette di inviare un link già centrato sulla zona di interesse, è responsive e permette di completare in automatico i nomi.

Non è questa la massima prova che OpenStreetMap funziona? Il Catasto, depositario dei dati sugli immobili italiani, usa una banca dati fatta dai cittadini per visualizzare online il territorio. La comunità crea prodotti più performanti, l’approccio wiki è vincente.

Per i passati tre mesi abbiamo cercato contatti formali con l’Agenzia delle Entrate tramite PEC. Ben 3 tentativi. Nessuna risposta. Ora è il momento di smettere di chiedere ed iniziare ad esigere.

Hanno partecipato a questa azione: Andrea Borruso, Cristian Consonni, Simone Cortesi, Maurizio Napolitano, Stefano Sabatini.

[0] http://wwwt.agenziaentrate.gov.it/geopoi_omi/index.php [1] http://opendatacommons.org/licenses/odbl/1-0/